Restaurare una Vespa: ecco come riemetterla a nuovo

59 vespa

Il fascino della Vespa è immortale e dopo aver dominato la scena come miglior modello di scooter, oggi rimane un marchio storico e prestigioso che raccoglie sempre grande entusiasmo. Per questo motivo sono sempre tanti coloro che cercano uno dei modelli di questo scooter da acquistare per poi poterlo mettere a posto. Sì perché restaurare una Vespa non è solo l’esigenza di rimettere in funzione questo mezzo, ma anche il fascino di personalizzarla e lavorare con le proprie mani alla riparazione e sistemazione di questo scooter.

Molto spesso si restaura una Vespa anche per motivazioni affettive essendo stato il mezzo di famiglia, appartenuto ad un nonno o ad un parente al quale si è particolarmente legati e si vuole restituire vita a questo mezzo straordinario che magari giace in cantina o in garage abbandonato.

Gli aspetti da valutare

Quando si decide di restaurare una Vespa bisogna tenere conto di diversi aspetti e prepararsi ad un lavoro impegnativo, anche e soprattutto in termini di tempo. Ciò che occorre è molta pazienza per potersi dedicare con dedizione e passione a questo tipo di attività.

La prima cosa da sistemare, anche quella più facilmente visibile, è quella del telaio e della carrozzeria. Nonostante il telaio della Vespa sia realizzato in acciaio stampato, una soluzione innovativa per l’epoca che si è rivelata essere molto resistente e anche per questo vincente, può aver subito dei danni quali ammaccature, graffi o abrasioni sulla vernice. Per restaurare una Vespa in maniera eccellente è bene quindi rimuovere completamente il telaio, valutare come sistemarlo magari rivolgendosi ad un carrozziere specializzato e, infine, ispezionare le parti meccaniche.

Il motore della Vespa

Il motore è forse l’intervento più delicato per restaurare una Vespa. I casi qui possono essere diversi: si va dalla prolungata inattività dello scooter o problemi più seri di mancata accensione o malfunzionamenti di vario tipo. Per intervenire sul motore potete trovare i ricambi originali per la vostra vespa presso officine specializzate in moto d’epoca. In questo modo il lavoro sarà sicuramente migliore sia in termini di resa che in termini di valore del mezzo. Utilizzare ricambi originali infatti permette di mantenere elevato il valore della Vespa che non viene quindi “contaminata” dai ricambi commerciali.

Le parti meccaniche

Lavorando al restauro della moto, avendola anche completamente smontata, è preferibile concentrarsi su tutti i componenti meccanici ed elettrici. In particolare è bene verificare l’integrità dei tubi in gomma (che possono presentare screpolature o vere e proprie rotture), dei freni, degli ammortizzatori e dei pneumatici. Questi interventi, oltre a ripristinare il corretto funzionamento della Vespa, permettono di assicurare anche l’affidabilità del mezzo e la conseguente sicurezza di chi la guida.

I lavori di restauro di una Vespa non sono, come detto, semplici, anche perché coinvolgono diversi impianti e non sempre la riparazione o il restauro significa semplicemente sostituire un pezzo di ricambio. È importante quindi avere qualche conoscenza meccanica o, in alternativa, farsi aiutare da un amico o da un meccanico di fiducia con il quale affrontare questo lavoro in modo da poter poi salire in sella alla Vespa e divertirsi in questa esperienza unica ed emozionante.